Benvenuto nel sito di Turismo Culturale Italiano, il Primo Operatore di Turismo Culturale d'Italia
 
Statistiche
l
l
l
l
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
pagina aggiornata al 23/01/2017
_________________________________
   
scopri la programmazione
_________________________________
 
visite guidate
  visite a palazzi, ville, mostre
   
viaggi di gruppo
  escursioni, viaggi e tours
   
incontri
  conferenze, concerti, corsi
   
catalogo
  scarica i nostri programmi pdf
   
archivio
  visita il nostro archivio
   
galleria
  le nostre immagini più belle
   
e-lettere
  ricevi le notizie periodiche con posta elettronica
   
ultime notizie
  novità dalla redazione
   
prenotazioni
 
come prenotare la tua visita, il tuo viaggio...
   
   
   
   
   
scopri il nostro prossimo tour... leggi
 
cerca sulla mappa le prossime destinazioni dei nostri viaggi... leggi
 
 
la risposta alle tue domande ... leggi
 
 
per essere sicuri su cosa acquistate e a chi vi affidate ... leggi
 
 
Rispettare l'ambiente in ogni sua forma, l'uomo e il patrimonio culturale ... leggi
   
Firma la Petizione
RESIDENZE BORBONICHE Patrimonio dell'Umanità: APPELLO - PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO
 
 
 
Se desideri fare un regalo originale puoi scegliere ... leggi
 
 
associato
 
 
noi sosteniamo
 
 
Focus Il Tour sotto la Lente
 
Viaggio su Misura
Viaggio riservato a massimo 20 partecipanti
 
   
 
Sotto l'ombra del re Sole. Grandeur et Beauté nelle residenze e nei giardini dell'Ile-de-France
 
Un itinerario colto e raffinato per pochi viaggiatori attraverso il Secolo d'Oro e non solo...
   
  Mercoledì 3 / Domenica 7 Maggio 2017
 
 

 
   
itinerario culturale di qualità

Itinerario nuovo e raffinato con un tema "reale ed aristocratico" che ci porterà attorno Parigi iln visita alle eleganti residenze realizzate tra Sei e Settecento, all'ombra del Re Sole, nele opere - palazzi e padiglioni, gallerie e giardini - realizzati dai più importanti architetti e progettisti dell'epoca, quali François Mansart o André Le Nôtre per il re e le aristocratiche famiglie di corte...

 
 

Il Tema del Viaggio

La storia della Francia rappresenta, in ogni campo, un sicuro punto di riferimento per comprendere la storia artistica europea. Dai primi del Cinquecento con Francesco I questa grande nazione europea si ispirerà, per la cultura umanistica, l'arte e l'architettura, all'Italia, per elaborare, dai primi del Seicento, una propria e quasi indipendente identità culturale e figurativa che vedrà nel re Sole l'apice della rappresentazione del potere di assolutismo e grandezza, manifestati attraverso la creazione di parchi monumentali, giardini e residenze.

Dalla prima metà del XVII secolo e per tutto il XVIII secolo, la corte parigina, le famiglie aristocratiche e i più importanti ministri, realizzeranno a ridosso della capitale una serie di eleganti e fastose residenze i cui progetti vennero affidati a importanti architetti che, entrati a corte, godevano di sicura fama e prestigio. Fu un susseguirsi di nuovi cantieri, iniziati dal nulla o talvolta su precedenti manieri che poco concedevano al lusso, allo svago, alle comodità tanto alla moda nella Francia del Sei e Settecento. Dal modello di Versailles nacquero dunque numerosi altri edifici e residenze con raffinati giardini alla francese.

Questo nostro itinerario, studiato come sempre su misura, vi condurrà cronologicamente, dagli inizi della vicenda artistica e culturale oggetto di questo percorso, rappresentato da Fontainebleau, per arrivare, in un autentico crescendo di scoperte, attraverso quasi duecento anni di progetti. Versailles, Meudon, Chantilly, Rambouillet, Marais...

 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
 
 

programma

 

Mercoledì 3 Maggio

Appuntamento per la partenza all'aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino, Terminal 1, banco gruppi Alitalia, partenze, per le procedure di imbarco sul volo di linea diretto della compagnia Alitalia diretto a Parigi.

All'arrivo trasferimento in pullman privato in albergo a sud di Parigi, sistemazione nelle camere riservate. Cena e pernottamento.

 

Giovedì 4 Maggio

Prima colazione a buffet in albergo.

In mattinata ci trasferiremo in pullman a circa 60 km a ovest di Parigi per la visita di quella che fu la tenuta estiva della monarchia francese, Rambouillet.

L'elegante tenuta offrirà la possibilità di andare alla scoperta dei luoghi che hanno accolto personaggi illustri, come Luigi XVI e la consorte Maria Antonietta. Dall'architettura semplice e con un proprio rigore estetico, il castello di Rambouillet stupisce per la ricchezza che caratterizza gli ambienti interni, con uno stile non unitario a causa delle continue modifiche che l'edificio che dal XIV secolo ha subito. La scalinata in stile rinascimentale, il boudoir di Maria Antonietta, e Sala del Consiglio datata al XIX secolo, sono solo alcune delle meraviglie realizzate in circa settecento anni di gloriosa storia. Oggi l'edificio è un'importante sede di rappresentanza del Presidente della Repubblica Francese. L'edificio è circondato dai giardini, un'isola fiorita che accoglie un'esplosione di profumi e colori a pochi passi dalla foresta nazionale, un'area boschiva ricca di specchi d'acqua. Il giardino conserva le statue neoclassiche in marmo interrompono la piacevole simmetria tipica dei giardini francesi.

Al termine della visita ci trasferiremo per la seconda visita della giornata, quella del castello e dei giardini di Marais.

E' una elegante e composta architettura che sorge tra canali e giardini. L'attuale complesso, scenograficamente disposto tra boschi e specchi d'acqua sul quale si specchia la residenza, fu ricostruito dall'architetto Jean-Benoît-Vincent Barré a partire dal 1770 sul luogo dell'antica fortezza di Hurault, per conto di Jean Le Maître de La Martinière, tesoriere generale dell'Artiglieria e del Genio. Il castello fu terminato nove anni dopo. Rappresenta uno dei più interessanti e ben riusciti esempi dell'architettura dello stile Luigi XVI. Il parco, che era stato trasformato all'inglese all'inizio del XIX secolo, è stato ricreato da Achille Duchêne tra il 1903 e il 1906 per Boniface de Castellane. Importante elemento che caratterizza questo giardino è la grande piscina d'acqua, creata dall'allargamento di un antico canale. Piacevole anche il disegno dei parterre alla francese, creati, che si impostano su una piattaforma circondata da fossati d'acqua. Fu residenza di numerose famiglie nobili quali i Noailles, i De Castellane, i Talleyrand-Périgord e i Pourtalès.

Al termine, rientrando verso l'albergo, faremo una breve sosta per ammirare i giardini di Meudon, luogo ove passarono i più potenti personaggi di Francia e dove si scrissero importanti pagine di storia di questa nazione. La lunga storia di questo sito inizia almeno a partire dal 1426, anno in cui feudo e castello furono acquistati da Guillaume Sanguin, valletto di camera del re Carlo VII e tesoriere del duca di Borgogna. Ma è il secolo successivo che porta Meudon sugli allori. I giardini sorgono lì dove venne edificato un castello che fu tra i preferiti di Francesco I. Quando nel 1552 la duchessa d'Etampes cedette la tenuta al cardinale Carlo di Lorena, iniziarono nuovi lavori diretti dal Primaticcio. Si crearono così giardini unici per bellezza e fasto, amati fa poeti, letterati e dalla corte reale di Parigi. Passato alla casata dei Guisa e da questi a Louvois, potente ministro di Luigi XIV, i giardini vennero disegnati nuovamente dal celebre architetto di corte, André Le Nôtre. Nel 1695 la vedova di Louvois, su richiesta del re Luigi XIV, scambiò Meudon con il castello di Choisy e la tenuta divenne la residenza del Gran Delfino, che vi intraprese grandi lavori a sue spese. Saccheggiato nel 1792 nel 1795 lo Château vieux fu danneggiato da un incendio. Nel 1807 Napoleone fece restaurare i giardini e risistemare il "Castello nuovo", facendone nel 1811 la residenza del re di Roma.

Ciò che rimane è sufficiente a dare un'idea dell'assoluta grandezza di Meudon. Al termine delle visite rientro in albergo, cena e pernottamento.

 

Venerdì 5 Maggio

Prima colazione a buffet in albergo.

In mattinata ci trasferiremo in pullman per la visita di un altro gioiello, Saint Germain en Laye.

La lunghissima storia di questo sito è legato indissolubilmente alla storia della corona di Francia. Costruito durante il regno di Luigi VI il Grosso qui secondo leggenda, nel 1238, si sarebbe svolta la consegna a Luigi IX della reliquia della corona di spine di Cristo da parte di Baldovino II, imperatore latino di Costantinopoli. Nel 1346 il castello fu incendiato dal Principe Nero durante la guerra dei cent'anni ma nel 1514 già doveva essere degno di nota perchè vi si svolsero le nozze tra il futuro re Francesco I e Claudia di Francia. Nel 1519 vi nacque il futuro re Enrico II e nel 1643 vi nacque Luigi XIV, il “Re Sole”, che vi soggiornò come monarca a partire dal 1660 dopo averlo arredato con gran lusso e averne fatto ricreare i giardini e l'incantevole terrazza. Trasferitosi nel 1682 il re decise di donarlo al cugino, Giacomo II Stuart.

L'edificio attuale venne costruito a partire dal 1539 da Francesco I ad opera dell'architetto Pierre Chambiges e proseguito a partire dal 1544 da Guillaume Guillain. I lavori proseguirono con Enrico II che lo portò ad una superficie di 8000 mq , con 55 appartamenti, una sala da ballo, 7 cappelle. Visiteremo i giardini, la Cappella di San Luigi in stile gotico flamboyant, il Padiglione di Enrico IV, la "Grande terrazza", sistemata da André Le Nôtre su commissione del re Luigi XIV tra il 1669 e il 1674. La terrazza è lunga 2.400 m e larga 30 m ed è bordata di tigli assiepati su un'elevazione che domina il fiume Senna offre un panorama su Parigi.

Dopo la pausa per il pranzo avremo l'intero pomeriggio dedicato alla visita della celebre Reggia di Versailles.

Grazie alla genialità degli artisti che lo realizzarono e alla e personalità del suo committente, il re Luigi XIV, il castello di Versailles è tra i più sontuosi al mondo e modello da imitare in molte delle residenze reali che lo seguirono.  In origine il sito era occupato da un semplice casino di caccia risalente a Luigi XIII e che fu trasformato in palazzo reale dal re Sole che vi trasferì la corte nel 1682, rimanendo la sede del potere sino alla Rivoluzione Francese. Una delle sale più suggestive della reggia è la galleria degli Specchi, che risplende nella luce riflessa dai suoi specchi e nella bellezza dei suoi stucchi e delle pitture di Le Brun. La grande Galleria esprime nella sua ricchezza il successo politico, economico ed artistico della Francia. Essa veniva utilizzata quotidianamente come luogo di passaggio, di attesa e di incontro ed era frequentata da cortigiani e da visitatori. Nonostante il suo splendore, la galleria degli specchi fu lo sfondo di cerimonie solo eccezionalmente, allorché si volle dotare del più grande fasto i ricevimenti diplomatici o le feste offerte in occasione delle nozze reali. In tali occasioni, il trono era posizionato su un podio al fondo della galleria. Fu proprio qui, inoltre, che fu firmato il 28 Giugno 1919 il Trattato di Versailles che pose fine alla Prima Guerra Mondiale e, da allora, i Presidenti della Repubblica Francese vi continuano a ricevere gli ospiti ufficiali della Francia.

Il grande parco che si estende alle spalle della reggia rappresenta una delle maggiori ricchezze di Versailles. I lavori di sistemazione dei giardini cominciarono insieme alla costruzione del palazzo e durarono per quarant'anni, si trattò di un'opera gigantesca che necessitò del lavoro di migliaia di persone. Dalla finestra centrale della galleria degli specchi, si dispiega un panorama incantevole, che dai piedi del palazzo si estende a perdita d'occhio attraverso una lunga prospettiva impreziosita dal lavoro dell'architetto André Le Nôtre: fontane con sculture eleganti, giochi d'acqua, aiuole e canali. Particolarmente originale è stata la creazione del Grand Canal lungo 1670 metri, che fece da sfondo a numerose feste e che ospitò persino delle imbarcazioni. Dal 1669, infatti, Luigi XIV fece navigare sul canale scialuppe e vascelli in miniatura e nel 1674, la Serenissima inviò al re Sole due gondole e quattro gondolieri che furono alloggiati negli edifici alla testa del Canale, che da quel momento furono chiamati Piccola Venezia.

Al termine delle visite rientro in albergo, cena e pernottamento.

Sabato 6 Maggio

Prima colazione a buffet in albergo.

In mattinata ci trasferiremo a Vaux Le Vicomte, il magnifico castello che suscitò l'invidia di Luigi XIV. Situato a 50 km a sud-est di Parigi, Vaux le Vicomte è ad oggi la più grande proprietà privata esistente in Francia. Nessuna residenza reale del XVII secolo poteva competere con quest'opera maestosa, costruita nel 1656 su incarico di Nicolas Fouquet, sovrintendente alle finanze durante il regno di Luigi XIV.
Affascinato da tanta sfarzosità e invidioso di un simile capolavoro, il giovane Re Sole condannò il suo ministro alla prigione a vita e si ispirò a questo castello per la realizzazione di Versailles. L'architetto Louis La Vau, il pittore decoratore Le Bruned, il paesaggista Le Nôtre, unirono i loro talenti per realizzare un capolavoro architettonico. Sfarzosamente arredato e decorato, il castello ospita sontuosi arazzi del XVII secolo, i Saloni delle Feste e gli appartamenti privati.

A seguire, poco distante, giungeremo a Fontainebleau. Questa residenza, le cui prime menzioni risalgono al XII secolo, ha ospitato tutti i più grandi sovrani di Francia come François I, Enrico IV e Napoleone che lo hanno ingrandito e abbellito nel corso dei secoli per divenire residenza reale amata e regolarmente abitata per otto secoli.
Il castello è immerso in 30 ettari di giardini, prolungati da un parco di 80 ettari, nel cuore di una foresta che costituiva il territorio di caccia di questa antica proprietà reale. Il borgo di Fontainebleau, nato intorno al castello e nel cuore della foresta, si è sviluppato a contatto con i re di Francia e la loro corte che ne hanno influenzato la forma urbanistica ed architettonica. Nel '500 il castello fu uno dei principali centri artistici europei. Le sale rinascimentali, uniche in Francia, hanno conservato la loro decorazione di affreschi e stucchi immaginati da artisti italiani quali Rosso e Primaticcio, durante il regno di Francesco I ed Enrico II.
L'appartamento dei reali evoca i fasti della corte di Francia: anticamere, saloni, sale di rappresentanza, sala del Consiglio o sala del Trono, che ci permettono di immaginare com'era la vita dei monarchi francesi. Notevole l'appartamento di Napoleone I abitate a partire dal 1804 all'Imperatore. È in questo appartamento che Napoleone I abdicò il 6 aprile 1814.

Il complesso è circondato da rinomati giardini che ne fanno uno dei principali concorrenti alla regalità di Versailles grazie al Jardin de Diane, al Jardin Française, ai giardini del Grand Canal e al Jardin Anglais.

Dopo la pausa pranzo, a conclusione della giornata, ci trasferiremo nel cuore del Parco regionale du Gâtinais Français dove ammireremo un'altra gemma di questo nostro viaggio, il castello e il parco di Courances. In stile Luigi XIII, è noto per il parco da cui è circondato, che per la sua bellezza rappresenta un'apprezzabile testimonianza dei giardini d'acqua del Rinascimento. Inserito dallo Stato nell'elenco dei Monumenti Storici e contraddistinto dal marchio Jardin Remarquable (di cui godono i giardini più importanti del paese), questo parco di 75 ettari è considerato uno dei più belli di tutta la Francia. Qui regnano acqua, piante e pietra.

Classico e romantico insieme, il parco di Courances, creato nel XVI secolo dalla famiglia Clausse, entusiasmerà gli appassionati di giardini con magnifiche prospettive, viali tranquilli, stagni e canali, e uno specchio d'acqua in cui si riflettono il castello e il suo giardino alla francese, ornato da siepi ornamentali di bosso. È splendido anche il giardino giapponese, creato dalla Marchesa de Ganay, le cui piante dai colori smaglianti conferiscono un tocco di originalità a tutto l'insieme. Circondato da fossati, il castello, di proprietà della stessa famiglia dal 1872, permette di ammirare una serie di arazzi, boiserie, arredi antichi e cimeli di famiglia.

Al termine delle visite rientro in albergo, cena e pernottamento.

Domenica 7 Maggio

Prima colazione a buffet in albergo.

In mattinata ci trasferiremo a Sceaux, dove ammireremo lo Château de Sceaux, a una quindicina di chilometri a sud di Parigi, dove rivivono l'eleganza e i fasti dell'antica nobiltà parigina. La cittadina è nota per aver dato i natali a Alain Delon. Il castello fu acquistato dal ministro Colbert nel 1670, quando incaricò Le Nôtre della ideazione dei giardini. Lo splendore che sia il parco che il castello raggiunsero durante gli anni in cui Colbert e successivamente il figlio, il marchese di Seignelay, furono proprietari fu cancellato durante la Rivoluzione Francese a causa della Banda Nera. Fortunatamente venne ricostruito quando, nel 1828, Anne-Marie Lecomte-Stuart fece riprendere il progetto iniziale di Le Nôtre e fece ricostruire il castello originario, in pietra e mattoni in stile Luigi XIII. Tra gli edifici degni di nota il Pavillon de l'Aurore, progetto del famosissimo architetto Claude Perrault, costruito nel 1672, e l'Orangerie, realizzata pochi anni dopo, nel 1685, da Jules Hardouin-Mansart.

Al termine delle visite ci trasferiremo verso nord per l'ultima visita del nostro itinerario, quella alla tenuta del castello di Chantilly ove sosteremo per il pranzo.

L'origine dell'edificio risale al Medioevo ma quanto oggi si ammira è certamente più recente ed è frutto del volere delle nobili famiglie Orgemont, Montmorency fino al 1830 quando fu ereditato dal Duca d'Aumale, uno degli uomini più ricchi d'Europa e allo stesso tempo uno tra i maggiori collezionisti francesi del suo tempo. Alla sua morte legò il castello e le collezioni ad una clausola di inamovibilità che ancora rispettata, fa sì che i capolavori conservati a Chantilly siano sempre visibili nella loro esatta collocazione originaria. La stessa architettura è tra le più interessanti del periodo: i grandi appartamenti e le sale da cerimonia presentano degli stupendi affreschi e delle lussuose decorazioni in oro e avorio in puro stile rococò. Tra le opere si possono trovare lavori di grandi artisti come Raffaello, Botticelli, Filippino Lippi, Van Dyck, Veronese, Delacroix e Géricault, per citarne alcuni.

Questa elegante residenza è immersa in un grande spazio verde tra giardini all'inglese e alla francese, è diventato un vero e proprio sinonimo di cultura grazie all'influenza di Enrico d'Orlèans e della sua visione.

Nel pomeriggio trasferimento in pullman privato verso l'aeroporto di Parigi CDG, procedura di imbarco e partenza per Roma con volo di linea Alitalia con partenza alle ore 18:00 ed arrivo previsto all'aeroporto di Roma Fco alle ore 20:05.

---------------------------------------------------------------------------------------------------
Le informazioni sul viaggio
Tutte le escursioni e i viaggi sono riservate ai membri del Club di Turismo Culturale Italiano [scopri di più]
 

Quota Euro 1285.00 p.p. (supplemento camera singola Euro 220.00 - camere singole limitate) *

La quota comprende:

voli di linea Alitalia A/R con operativi indicati (tasse aeroportuali escluse), bagaglio da stiva, tutti i pernottamenti in hotel a cat. 4*, tutti i trasferimenti in pullman GT privato da/per aeroporti e per tutte le escursioni e i trasferimenti, tutti i biglietti d'ingresso / spese di apertura dei siti indicati, spese di prenotazione, visite guidate a cura di guide-conferenziere specializzate di Turismo Culturale Italiano, accompagnamento culturale da Roma, prime colazioni a buffet, tutte le cene, tassa di soggiorno (ove prevista), assicurazione assistenza medica/bagaglio/R.C., iva, imposte e tasse.

 
Quota valida con minimo 15 - massimo 20 partecipanti
Prenotazione con pagamento entro il 31/03/2017 e fino a esaurimento posti disponibili. La quota indicata è valida, salvo diversa indicazione, fino alla data del 31/03/2017. Le prenotazioni giunte dopo la data di scadenza indicata saranno accettate in caso di disponibilità. La prenotazione è confermata solo al momento del pagamento nelle misure seguenti: 25% dell'importo all'acconto, saldo entro 30 giorni dalla data di partenza del viaggio.
App.to aeroporto int.le L. da Vinci di Roma Fco, Terminal 1, banco Gruppi Alitalia
La quota non comprende tutto quanto non espressamente indicato alla voce "la quota comprende".
N.B. Il programma può subire delle modifiche per ragioni non dipendenti dalla nostra volontà.
 
* la quota può essere soggetta a variazioni del costo preventivato dei biglietti d'ingresso/accessi/prenotazioni, per variazioni delle tariffe aeree/ferroviarie/pedaggi autostadali, mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti, variazione dei tassi di cambio, se il pagamento della prenotazione avviene oltre i termini indicati, o per altri motivi [leggi]. In ogni caso eventuali variazioni saranno, da parte dell'organizzatore, preventivamente comunicate.
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Voli Aerei
   
 
   
volo di andata Mercoledì 3 Maggio 2017  
AZ 324   Roma Fco / Parigi   14:50 /  17:00   
volo di ritorno Domenica 7 Maggio 2017
AZ 325 Parigi / Roma Fco 18:00 /  20:05   
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Preparazione del Bagaglio e Norme di Sicurezza
   
Clicca qui per conoscere la normativa e le precauzioni per la preparazione del bagaglio aereo
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Mappa di viaggio
 
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
Cosa sapere prima di prenotare e di partire per un tour
   
cosa sapere prima di prenotare
leggi le condizioni generali di vendita
scopri l'assicurazione Global Assistance assistenza medica / bagaglio / R.C.
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
meteo
 
Per conoscere le previsioni meteo dei luoghi delle nostre visite clicca qui
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Prenotazioni
   
se desideri prenotare questo viaggio o avere maggiori informazioni sulle modalità di prenotazione, cancellazione, penalità etc. clicca qui
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Scarica
   
scarica il programma completo delle nostre attività in pdf  
 
Nota
   
Viaggio conforme alle direttive internazionali sul Turismo e del Codice del Turismo D.Lgs. 79/2011
 

 

     
     
___________________________________________________________________________
Visite Guidate, Viaggi d’Arte, Itinerari, Gran Tour, Viaggi Culturali, Conferenze, Incontri, Concerti...
turismo culturale italiano srl a socio unico - tour operator - C.F. e P.I. 11922481004 - REA RM 1337161
 
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di testi, immagini, foto, disegni senza l'espressa autorizzazione - All rights reserved.
___________________________________________________________________________